"Il percorso italiano per l’Agenda 2030 è ancora un pò in ritardo, nonostante segnali incoraggianti.

Sono necessarie strategie condivise, politiche integrate, azioni concrete e un’informazione all’altezza del compito.

E' importante sottolineare un crescente impegno della società civile, delle imprese e da qualche tempo del mondo della finanza; la nostra società, anche grazie al recente impegno dei giovani, ha ormai preso coscienza dei problemi che abbiamo di fronte e domanda interventi urgenti, che operino una giusta transizione ecologica: in questo scenario, i media hanno un ruolo molto importante, decisivo, di formazione e accelerazione nel centrare i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile."

 

Massimiliano Pontillo - Direttore Eco-Media


News

Eco-Media Academy: il 27 maggio il nuovo corso per giornalisti 25/5/22

Prosegue l’attività di Eco-Media Academy, con i corsi di formazione per giornalisti, promossi e organizzati da Pentapolis Institute. Il quarto appuntamento è previsto per venerdì 27 maggio: “Agenda 2030: transizione energetica e media”.

Tanti i docenti di riconosciuta importanza nazionale racconteranno l’ambiente e la sostenibilità per avere una visione d’insieme, e un approccio sistemico. Leggi

Overshoot Day, game over per l’Italia: 3 cose facili che possiamo fare subito 27/4/22

Se tutto il mondo avesse il nostro impatto, ci servirebbero quasi tre Pianeti per sostenere il nostro stile di vita. Ma in che senso? Immaginiamo di avere una dispensa di cibo pensata per sostentarci per un anno intero. L’Italia è stata ingorda e ci ha messo meno di cinque mesi a mangiarsi tutte le provviste. Ora le toccherebbe il digiuno fino alla fine dell’anno, ma non sarà così. Leggi

Pnrr, l’Italia è penultima in Europa per misure transizione ecologica 26/4/22

Al momento del suo insediamento da premier, Mario Draghi assicurò che il suo sarebbe stato un «Governo ambientalista», nel senso che «qualsiasi cosa faremo, a cominciare dalla creazione di posti di lavoro, andrà incontro alla sensibilità ambientale», tanto da cambiare nome al ministero dell’Ambiente in ministero della Transizione ecologica. Leggi

 



UE, le rinnovabili diventano impianti di interesse pubblico prioritario 26/4/22

Nelle scorse ore la Commissione europea ha presentato ufficialmente il piano RePowerEu, con l’obiettivo dichiarato di “rendere l’Europa indipendente dai combustibili fossili russi ben prima del 2030”. Sono tre i pilastri su cui si basa l’iniziativa, due coerenti con la politica climatica e l’altro in direzione opposta: investire in fonti rinnovabili, migliorare l’efficienza energetica e legarsi ad altri fornitori di energia fossile. Leggi

 

 

Il clima è sempre più fuori controllo. Battuti altri quattro record 24/5/22

Nell’ultimo rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm), intitolato “Stato del clima mondiale 2021”, risuonano quattro campanelli d’allarme. Altrettanti record negativi, infatti, sono stati battuti e rivelano in modo sempre più chiaro quanto il riscaldamento globale stia incidendo sugli equilibri del Pianeta. Si tratta della concentrazione di gas ad effetto serra nell’atmosfera, dell’innalzamento del livello dei mari, della temperatura media globale e del grado di acidificazione degli oceani. Leggi

Da guerra a clima, piano Fao per agricoltura resiliente 23/5/22

Un piano in quattro punti per trasformare i sistemi agroalimentari per renderli più inclusivi, economicamente sostenibili e resilienti ai tanti shock che stanno affliggendo il Pianeta, oltre a produrre meglio e di più con un minore impatto sull'ambiente.

E' l'appello del direttore generale della Fao, QU Dongyu, all'Onu. Conflitti, clima, pandemia e recessione hanno aumentato la vulnerabilità alimentare delle persone. Leggi



Oxfam, fino a 28 milioni a rischio fame in Africa orientale 25/3/22

Fino a 28 milioni di persone nell'Africa orientale sono a rischio di fame acuta a causa dell'impennata dei prezzi dovuta alla guerra in Ucraina e per la potenziale mancanza di pioggia in questo mese di marzo. A lanciare l'allarme è l'organizzazione Oxfam tramite un comunicato pubblicato oggi sul proprio sito web. Kenya, Somalia ed Etiopia stanno vivendo il clima più secco degli ultimi 40 anni, mentre il Sud Sudan è alle prese con continue inondazioni, aggiunge. Leggi

Pronta la mappa delle aree per ospitare il deposito delle scorie nucleari 24/3/22

Il plico è stato consegnato il 15 marzo, come da programma. Al ministero per la Transizione ecologica (Mite) è arrivata la mappa aggiornata delle località che hanno tutte le carte in regola per ospitare il deposito nazionale delle scorie nucleari. In gergo tecnico è la Carta nazionale delle aree idonee. In una sigla Cnai. Un documento al momento secretato, perché dovrà ricevere una serie di autorizzazioni prima di essere pubblicato. Leggi

 

Il Centro di coordinamento Raee ha pubblicato il rapporto annuale 2021 5/4/22

Il Centro di coordinamento Raee ha appena pubblicato il rapporto annuale 2021, che documenta i risultati conseguiti da tutti i sistemi collettivi che si occupano del ritiro dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee), una vera e propria miniera urbana da cui possiamo estrarre materiali preziosi minimizzando gli impatti ambientali. È l'ultimo passaggio tecnico per selezionare la rosa di territori che potrebbe ospitare l'impianto dove stoccare 95mila metri cubi di rifiuti radioattivi. Leggi



Cerca nel sito:


 

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato?

Clicca qui sotto: